Tatsuo Horiuchi, il Leonardo Da Vinci di Excel

Tatsuo Horiuchi è uomo giapponese di 77 anni che, quando andò in pensione, decise di dedicarsi alla sua grande passione: la pittura. Non avendo abbastanza denaro da investire in materiale da disegno, pensò di lavorare con gli strumenti che aveva a sua disposizione: il computer.

A quel tempo non c’erano molti programmi per l’illustrazione, quindi Horiuchi si avvalse di quello che aveva a portata di mano. Il fatto straordinario della questione è che l’artista giapponese non utilizzò nessun programma di progettazione, tipo Paint o Word, in quanto il primo lo considerava molto complesso e il secondo troppo caotico. Decise di utilizzare Microsoft Excel.

Ebbene si, avete capito bene, il software utilizzato da milioni di utenti per fare calcoli, tenere la contabilità, creare grafici e tabelle. Un software ricco di funzionalità e attività utili, ma ben lontane dal mondo dell’arte.

Giorno dopo giorno, Horiuchi imparò a usare Excel e a trasformarlo in un vero strumento di progettazione creando immagini piene di dettagli e colori.

Nel 2006, presentò il suo lavoro a un concorso artistico sviluppato con Excel, e i giudici valutarono positivamente il suo lavoro ben al di sopra del resto dei partecipanti. Da allora, alcune delle sue opere sono esposte in un museo nella città di Tatebayashi .

La specialità dell’artista sono i paesaggi giapponesi e li crea nel suo massimo splendore con Excel.

Tatsuo Horiuchi è consapevole del fatto che le sue opere sono difficili da vendere, ma a lui non importa, perché il suo è amore per l’arte nella sua forma più pura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *