La stazione della metropolitana di Napoli “Toledo” premiata come il lavoro sotterraneo più innovativo

Dalla base del Vesuvio al tetto del mondo. La stazione della metropolitana di Napoli “Toledo” ha vinto il prestigioso premio “spazio sotterraneo dell’Association Internazional Tunnelling “, nella categoria “uso innovativo dello spazio”, superando la concorrenza di due stazioni delle linee della metropolitana di Sydney e di Gerusalemme.

La stazione della metropolitana di Napoli “Toledo” ha raccolto premi sin dalla sua inaugurazione, nel 2012. Aveva già vinto il premio Internazionale “Emirates Leaf International Award” del 2013, per la sua grande innovazione nel campo del design e dell’architettura. Nel 2014, era stato riconosciuto da molti giornali e siti specializzati come la più bella stazione della metropolitana in Europa. Ora, questo premio che lo rende il più innovativo lavoro sotterraneo del mondo.

Stazione Toledo, progettata dall’architetto catalano Oscar Tusquets Blanca, è stata costruita in particolari condizioni idrogeologiche: la presenza di acqua nello strato e in profondità ha reso il lavoro di scavo molto duro. Il progetto ha meritato il premio per  l’innovativa tecnologia utilizzata durante il processo di costruzione, che consisteva nel congelare il terreno con azoto liquido e foratura successiva con la tecnologia specifica.

La stazione della metropolitana di Napoli “Toledo” è considerata unica per la straordinaria decorazione delle pareti ed il tetto e per le luci create dall’architetto spagnolo. Ogni anno centinaia di turisti che visitano Napoli sono affascinati dai suoi giochi di luce e le imponenti opere d’arte poste all’interno della stazione, come ad esempio due grandi mosaici dell’artista britannico William Kentridge, realizzato da Costantino Aureliano Buccolieri.

Questo riconoscimento potrebbe dare a Napoli un buon vantaggio nella corsa per ospitare nel 2019 l’annuale congresso mondiale della Tunnelling Association. La scelta della città ospitante sarà annunciato nel mese di aprile 2016 a San Francisco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *